263669077119346
Loading...

L’italiano è sempre stato un grande inventore…

Doppia valvola tutta Italiana.

Forse i Tedeschi di Schwalbe si sono mossi prima con il marketing ma l’idea della doppia valvola nasce ben si in Italia per la precisione a Verona nel culla del ciclismo già i primi esperimenti risalgono nel 2007, la prima versione di valvola: presentata il 15.01.2011 è brevettata il 08.11.2013.
L’inventore D.A.  è un grande appassionato di mountain bike, sta testando da anni sistemi alternativi al classico pneumatico con camera d’aria per poter andare forte in discesa, riducendo pressioni di gonfiaggio e forature. Ma senza appoggio economica non poteva esporsi cosi come Schwalbe, ma grazie alla testardaggine e bussando qua e la qualcuno si è deciso di aprirgli la porta e ascoltarlo, cosi adesso grazie al supporto del gruppo (???) può concretizzare il suo brevetto.

Stando ai sui primi test e risultati ottenuti con la sua front da XC nelle prove di SuperEnduro e Lessinia Legend 2013 si può solamente dire che il lavoro pensato e fatto funzionano alla grande. “I risultati non contano, l’importante è dare più sicurezza al mezzo sia in stabilità che in affidabilità. Poi se uniamo i due concetti anche i risultati possono venire”.

Detto questo passiamo al tecnico: il sistema a due valvole distanziate è passato anche nella mente del Veronese, ma lui non si è fermato e creò una cosa ancor più semplicità, doppia valvola in un unico corpo concentrandosi molto anche sulla estetica. “oltre alla funzionalità il biker è molto attento anche al fattore estetico”

Al momento non è possibile mostrare nessuna foto ma con questo schizzo si può capire di cosa sto parlando.

Piccole note tecniche:

La prima camera (per la precisione TUBOLARE) é gonfiata ad alte pressioni (100 psi o 6.8 atmosfere) con due scopi ben precisi:

  1. fare da cuscino negli impatti più violenti che farebbero pizzicare la camera o piegare il cerchio con un sistema tradizionale.
  2.  tenere la spalla del copertone ben fissa nel tallone del cerchio, eliminando gli stallonamenti.

La seconda copertura “tubeless o atticizzate” si può tenere a pressioni molto basse dando molti vantaggi.

Posso dire di essere uno dei pochi fortunati che sta testando questo prodotto, oltre “MTB80” ci sono alcuni atleti del team “FUORISELLA & BOTTECCHA FACTORY TEAM”.
I miei riscontri sono tutti positivi anche in situazioni meteorologicamente differenti, come detto in precedenza con questo sistema si utilizzano pressioni molto basse senza incappare in pizzicature, stallonature  e annullando completamente tutti gli impatti violenti al cerchio.


Viaggiando a queste  pressioni si a più tenuta e maggior controllo nella guida. Sembra quasi di essere in possesso di una forcella con escursione maggiore. ( il primo lavoro di ammortizzatore lo fa la copertura, dunque con più è morbida meglio è ).

Al’interno si può inserire qualsiasi liquido anti foratura, ma nel caso estremo, risulta molto semplice il smontaggio e l’inserimento di una semplice camera d’aria al posto del tubolare.

Per i prezzi ed ulteriori specifiche tecniche bisognerà aspettare Eurobike 2014.

LINK
www.deaneasy.it

Qui sotto una foto del nostro Inventore in action.
D.A..

Home page item

Io sono social


Sostieni MTB Blog 80