263669077119346
Loading...

I caschi attuali? tutti da rifare...

Sentite cosa dice il Professor Dal Monte

Fonte: cyclinside

 «Il casco? Ci vuole sì, ma non quelli che vanno adesso, quelli non servono a niente». Non perde la sua verve con decisione e provocazione il Prof. Antonio Dal Monte alla domanda di Cyclinside sui caschi moderni per la bicicletta.
«Tanto più ora che i materiali hanno raggiunto livelli di sviluppo notevoli e quindi permettono evoluzioni maggiori».


A cosa si riferisce l'inventore delle ruote lenticolari già direttore dell'istituto di Scienza dello Sport? (e ci sarebbero tanti altri titoli che non basterebbe questa pagina per dirli tutti).

«I caschi per bicicletta attuali proteggono il ciclista solo nella parte superiore - spiega - possono poco o niente contro impatti forti laterali. La protezione laterale è molto limitata e ce ne sarebbe di lavoro da fare».

  - ma che tipo di protezione si immagina per un casco da ritenere davvero efficiente?

«Occorre mettere qualcosa che protegga bene le parti laterali della testa e della faccia, non va bene far finire il casco così in alto, il ciclista che cade è esposto a colpi da tutte le parti.

«Tanto più oggi, con i materiali moderni, non sarebbe più un problema realizzare un casco ugualmente confortevole con prese d’aria che toglierebbero i fastidi della copertura in più».


Insomma, di lavoro ce n’è da fare a quanto pare. I produttori di caschi per ora non hanno mai fatto proposte azzardate in questo senso considerando pure che, in caso di caduta, la testa ruota sul collo e la parte che batte per terra diventa comunque quella coperta dal casco. Ma certamente il ciclista non cade quasi mai da solo e corre comunque il rischio di impattare contro superfici irregolari o altri oggetti. Vedremo se le aziende seguiranno queste indicazioni.

Home page item

Io sono social


Sostieni MTB Blog 80