263669077119346
Loading...

LA STAGIONE 2008 VISTA DA...MAURO FINETTO

Fonte UltimoKilometro
 I commenti che pubblichiamo oggi sono ancora di un atleta della CSF Group – Navigare, il veronese di Tregnago, Mauro Finetto. Per il ventitreenne è stata, quella trascorsa, la prima annata fra i professionisti, ma visti i risultati ottenuti, anche in corse di consolidata tradizione, non sembra aver avuto particolari difficoltà nel salto di categoria. La vittoria non è arrivata, ma proprio in questa stagione spera di ottenere qualche successo che gli apra le porte della Nazionale.

GP Beghelli 2008

Ci racconti brevemente la tua annata ciclistica? Qual è stato il tuo momento più bello del 2008? Quale invece il periodo più difficile che hai dovuto affrontare?

La mia stagione è partita subito bene con il Giro di Calabria sono riuscito a stare sempre con i migliori ed ho concluso con il 13° posto in generale ma 1° nella classifica giovani. Poi non correndo molto ho faticato un po’ in primavera, anche se ho ottenuto un 2° posto nella 2ª tappa del Giro del Trentino dietro a Garzelli. Tra Marzo e Aprile ho sofferto un po’ perché il passo di chi aveva affrontato corse come Parigi -Nizza, Valenciana ecc... era superiore. Finalmente è arrivata l’estate dove ho cominciato a gareggiare di più (Giro d’Austria, Giro di Danimarca, Olanda) che mi hanno permesso di prendere il ritmo giusto per prepararmi a puntino alle Classiche di Agosto e Settembre, dove volevo assolutamente mettermi in evidenza! E ci sono riuscito, ho ottenendo dei bellissimi risultati come ad esempio il 3° posto al Trofeo Melinda e alla Coppa Placci, il quarto alla Tre Valli e alla Sabatini, l’ottavo al Giro del Lazio. Poi potrei dire che ho chiuso in bellezza con il 6° posto al Giro di Lombardia.

Parlando invece della tua squadra nel suo complesso, che voto gli daresti e perché?


Diciamo che alla CSF Group mi sono trovato bene, ho avuto la possibilità di fare sempre la mia corsa e questo mi ha permesso di mettermi in grande evidenza. L’unica pecca, è stato il caso Sella che ha sporcato non poco l’immagine della squadra. Ma se devo dare un voto scrivo OTTO perché anche altri giovani come Frapporti, Canuti, Mauro Richeze e Savini si sono messi in mostra con ottimi risultati.

Il 2008 verrà ricordato per le Olimpiadi e per altre importanti manifestazioni sportive. Qual è stata l’impresa o lo sportivo (anche al di fuori del ciclismo) che più ti ha entusiasmato?

Sono appassionato di tennis, anche se non è il mio giocatore preferito (preferisco Djokovic e Federer) mi ha colpito molto tutto quello che è riuscito a vincere Rafael Nadal.

L'addio di Paolo Bettini alla vigilia del Mondiale e l'annuncio del ritorno di Lance Armstrong nel 2009. Come commenteresti queste due notizie?

Per un campione che va uno che ritorna, sicuramente mi ha stupito di più il ritorno di Armstrong che l’addio di Bettini. Paolo ha lasciato da campione, da numero uno e a mio avviso ci può stare, ha vinto tutto. Armsrtong ritorna a 37 anni dopo tre anni di inattività, sono proprio impaziente di vedere di cosa sarà capace, sono convinto che ci stupirà ancora una volta.

Quali saranno i tuoi obiettivi per il prossimo anno? Già definiti i programmi di inizio stagione?

Il programma 2009 parte con Donoratico, Grosseto, Laigueglia e poi arriva la Tirreno - Adriatico primo obiettivo della stagione, dove spero di far bene in qualche tappa per arrivare al top alla Milano - Sanremo, vorrei ripetere almeno la prestazione del Lombardia. Poi uno stacco per recuperare energie in vista del Giro d’Italia dove prenderò il via col solo intento di fare esperienza in una corsa di tre settimane. Poi arriverà l’estate e qui cercherò di ripetere le prestazioni della passata stagione in tutte le classiche italiane e magari vincerne una per indossare la Maglia Azzurra ai mondiali di Mendrisio.


Giro di Lombardia 2008

Posta un commento Commenti Blogger

Per inserire video [video]video.link[/video]
Per inserire immagini [img]image.link[/img]

emo-but-icon

Home page item

Io sono social


Sostieni MTB Blog 80