263669077119346
Loading...

L’Alpe d’Huez su una ruota in 1h10’

E-mail dell'amico Simone Temperato (Magico Tempe)

Nuova impresa in bici di Simone Temperato,
ha scalato l’Alpe d’Huez su una ruota in 1h10’

MAICO TEMPE

Simone Temperato ne ha fatta un’altra delle sue. L’acrobata sulla bici di Campese (Vicenza) mercoledì mattina ha scalato una delle più celebri salite del mondo, l’Alpe d’Huez, alla sua maniera, vale a dire su una ruota sola, quella posteriore.
Temperato ha preceduto i partecipanti al Tour de France, impegnati nella tappa numero 17, dando vita a un’altra delle sue memorabili imprese: ha percorso i celeberrimi 14 chilometri e mezzo di ascensione, 1.080 metri in verticale, un serpente di 21 tornanti che si avvita su una pendenza massima del 13%, in
impennata, pedalando su una ruota sola dall’inizio alla sommità e staccando un tempo finale di 1h10’.
A metà salita, il funambolo vicentino, senza mai smettere di pedalare, si è concesso una colazione a base di marmellata (Fiordifrutta della Rigoni di Asiago, in omaggio a uno dei suoi sponsor), mangiandola direttamente dal vasetto con un cucchiaino, tanto a lui
le mani non servono per andare in bici…
Alla prova del “Magico Tempe”, com’è soprannominato dai suoi tifosi, hanno assistito le decine di migliaia di appassionati assiepati sulla salita per assistere al passaggio del Tour de France.
Temperato ha dato vita a uno spettacolo nello spettacolo, sollevando l’entusiasmo del pubblico. facendosi beffa delle leggi fisiche e percorrendo l’intera salita senza mai mettere a terra
la ruota anteriore.
“Negli ultimi quattro anni ho scalato con una ruota sola la maggior parte dei passi alpini e dolomitici - ha commentato Temperato dopo l’impresa -, era arrivato il momento di cimentarsi all’estero. Cominciando da un mito come l’Alpe d’Huez. E’ andato tutto bene. Grazie anche a una giornata stupenda dal punto
di vista meteo. L’unico problema è arrivato dal pubblico, un muro umano di entusiasmo, fino al punto di ostruirmi la visuale della strada. Ma il gruppo di amici che mi segue sempre ha lavorato benissimo, aprendomi letteralmente la strada davanti. Durante l’impresa avrò sorpassato 350-400 ciclisti che salivano. Questo è l’inizio di una serie di nuove prestazioni altamente impegnative. Grazie all’allenamento sono riuscito a perfezionare la mia andatura su una ruota sola, arrivando a fare cose che erano impensabili anche per me. La mia sfida contro le leggi della fisica prosegue. Sempre utilizzando una normalissima bicicletta da corsa e senza pignone fisso. In queste condizioni è difficilissimo restare in equilibrio viaggiando a medie elevate, tenendo sempre presente che non posso fare forza con le braccia sul manubrio. La mia, ormai, è diventata una competizione contro me stesso. E contro le più famose salite ciclistiche del mondo”.

Posta un commento Commenti Blogger

Per inserire video [video]video.link[/video]
Per inserire immagini [img]image.link[/img]

emo-but-icon

Home page item

Io sono social


Sostieni MTB Blog 80